Myelom-Gruppe Rhein-Main

Ultimo aggiornamento: 12 gennaio 2013

Radioterapia

Con l'aiuto di radiazioni si mira a raggiungere l'obiettivo di far perdere alle cellule degenerate la capacità di dividersi impedendo quindi un'ulteriore crescita del tumore. A differenza di molti tumori, le cellule sane irradiate sono in grado di riparare i danni incorsi in seguito alle radiazioni con il risultato che l'azione di quest'ultime arriva a produrre i suoi effetti molto di più sul tumore che sugli organi sani limitrofi. È importante sapere che, nel corso della radioterapia, nel corpo non penetra alcuna sostanza radioattiva.

Nel caso del mieloma multiplo/plasmocitoma, la radioterapia viene applicata soprattutto nel trattamento di dolori ossei. Inoltre la radioterapia può prevenire fratture in frammenti ossa portanti. Fratture ossee già esistenti possono poi, tramite l'irradiazione, essere stabilizzate.

Effetti collaterali acuti, come arrossamenti cutanei, sono rari. A seconda della regione interessata dalle radiazioni, possono manifestarsi diversi altri effetti collaterali che vanno considerati insieme al radioncologo in un colloquio individuale che deve avere come tema anche la decisione del tipo di irradiazione da applicare nel vostro caso.